Quali sono le cause della sensibilità dei denti e suggerimenti per evitare che si verifichino?

Quali sono le cause della sensibilità dei denti e suggerimenti per evitare che si verifichino?

Scoprite che cosa causa la sensibilità dei denti, perché si verifica e come possiamo prevenire questo spiacevole evento!

La sensibilità dei denti implica una maggiore reazione dei denti al caldo e al freddo senza la presenza di patologie, ad esempio carie e infiammazione del nervo dentale. Si verifica un dolore che avviene improvvisamente, dura brevemente e non crea disturbi.

All’apparire dei primi sintomi, siate liberi a contattarci e nel nostro nuovo blog leggete di più sulla sensibilità dei denti.

Sensibilità dei denti

Un dente può essere sensibile per molte ragioni. Molto spesso è il risultato di un collo del dente esposto che è altrimenti coperto con smalto o gengiva. Il collo del dente è la parte del dente in cui il dente si fonde con la gengiva circostante. In questo punto è naturalmente più sensibile perché lo smalto che lo protegge dalle influenze esterne è il più sottile.

Durante la vita, lo smalto dei denti viene ulteriormente diminuito e consumato. L’usura è spesso causata da anni di spazzolatura irregolare o eccessiva.

Possono verificarsi anche screpolature nello smalto dovute alle forze masticatorie eccessive, spremitura notturna o anomalie ortodontiche.

reazione al freddo e al caldo

reazione al freddo e al caldo

Dolore ai denti come reazione al freddo/caldo

Sul collo del dente si creano solchi, cioè difetti che causano una reazione più forte al freddo e al  caldo. Allo stesso modo, tutti gli alimenti e le bevande acide hanno un effetto chimico sullo smalto dei denti e lo indeboliscono e di conseguenza causano la sensibilità dei denti.

Lo spazzolare troppo forte, oltre all’usura dello smalto, può causare il ritiro della gengiva. Se la gengiva si ritira, la superficie del dente esposta a influenze esterne aumenterà.

Un’area molto piccola, che potreste anche non notare ad occhio nudo, può causare disagio al freddo e al caldo. Una volta che la gengiva si ritira, il collo dentale viene permanentemente esposto e la sensibilità di solito passa con il tempo.

Come ridurre la sensibilità dei denti?

Se l’ipersensibilità dei denti vi provoca disagio, consigliamo di visitare il vostro dentista. Lo specialista dovrebbe escludere altre patologie e assicurarsi che sia davvero solo una sensibilità del dente.

Le informazioni più importanti per un dentista sono la durata della sensibilità :

● se il dolore si manifesta improvvisamente e dopo circa 10 secondi inizia a scomparire, si tratta di un’ipersensibilità,      

● se il dolore dura più a lungo si potrebbe sospettare un nervo dentale infiammato.      

Per ovviare che i denti diventino sensibili con il tempo è molto importante la tecnica di spazzolatura – con uno spazzolino morbido e con delicati movimenti circolari.

tecnica di spazzolatura

tecnica di spazzolatura

Inoltre, è importante corregere un morso sbagliato portare i dispositivi bite durante la notte che prevengono l’apparire dei difetti sullo smalto. 

Inoltre, evitate un consumo eccessivo di cibi e bevande acidi, utilizzate dentifrici che hanno dimostrato clinicamente di rafforzare la struttura dello smalto.

Nel caso in cui si verifichi l’ipersensibilità, evitate le bevande e i cibi molto freddi e caldi, provate ad usare dentifrici che contengono minerali che riparano le zone indebolite del dente o contattate il vostro dentista che vi passerà i denti con prodotti specifici o in altro modo proteggerà l’area sensibile.