Quando e perché è necessaria l’estrazione del dente? 

Quando e perché è necessaria l’estrazione del dente? 

La rimozione del dente è chiamata estrazione; una procedura orale-chirurgica mediante la quale si rimuove il dente o i suoi resti dall’alveolo. Sebbene nell’odontoiatria contemporanea si fa ogni sforzo per preservare ogni dente, in alcune situazioni è necessario ricorrere all’estrazione del dente. 

Prima di ogni estrazione del dente, è necessario fare una radiografia e provare a trattare endodonticamente il dente e fare tutto il possibile per mantenere il dente nella mascella. Sfortunatamente non è sempre possibile preservare il dente e quindi è necessaria l’estrazione del dente. 

Situazioni in cui è necessaria l’estrazione del dente: 

Dente danneggiato 

L’estrazione del dente è necessaria quando, anche dopo vari trattamenti, il dente è ancora in pessime condizioni o quando il dente è talmente danneggiato che non può essere salvato da nessun’altra terapia. 

Dopo tali metodi di trattamento infruttuosi, è necessario estrarre il dente danneggiato perché tale dente è ancora in cattive condizioni. L’estrazione del dente avviene in un ambiente controllato ed è importante che venga sempre eseguita da un dentista o da uno specialista in chirurgia orale. 

Infiammazione del dente (nervo dentale) 

Si verifica quando all’interno del dente è infiammato il nervo a causa di carie o gravi lesioni. L’infiammazione del dente si diffonde intorno alle radici e porta a dolore acuto che peggiora con il morso. Senza il trattamento dell’infiammazione i batteri possono diffondersi ulteriormente nel corpo e minacciare la vita del paziente. 

Sintomi di infiammazione del nervo dentale: 

  • dolore al freddo che dura a lungo dopo la stimolazione,
  • dolore al calore,
  • dolore spontaneo,
  • dolore al morso,
  • gonfiore e
  • “pustola” purulenta.
dolore

dolore

 

 Granuloma o cisti sul dente 

Si verifica quando i batteri dalla cavità cariata penetrano attraverso lo smalto e la dentina e agiscono sulla polpa dentale. Come risultato dell’infiammazione, i batteri si diffondono fino all’osso dove l’osso viene distrutto e questo spazio si riempie con il granuloma. 

Il granuloma spesso, soprattutto all’inizio, non ha alcun sintomo, ma il dentista può facilmente trovarlo con un esame dettagliato della cavità orale e radiografia obbligatoria. Nell’immagine radiografica si vede come un “cappuccio” scuro attorno all’apice della radice. 

È più comunemente causato da una scarsa igiene orale o infezione. Il granuloma o cisti, è riempito di fluido e rivestito di tessuto, e può verificarsi in qualsiasi parte della cavità orale (sulla mascella o sul tessuto molle). 

È molto pericoloso se non viene trattato perché può causare perdita ossea e perdita dei denti. 

Il dente deve essere estratto anche nei seguenti casi: 

  • quando il dente ha un danno grande alla corona,
  • quando i denti sono tentennanti o con parodontite avanzata,
  • fratture della radice,
  • scarsa capacità di sostituti protesici. 

Estrazione dei denti del giudizio (ultimo molare) 

In alcune persone possono essere estratti i denti del giudizio che con le loro dimensioni o posizione possono causare problemi e dolori nella parte posteriore della cavità orale. 

L’estrazione dei denti del giudizio, gli ultimi molari, è la procedura più difficile per l’estrazione e molto spesso occorre l’intervento di un chirurgo orale

Anche se gli ultimi molari sono gli ultimi ad uscire, spesso sono i primi a guastarsi o causano frequenti infiammazioni a causa della difficoltà di mantenere l’igiene. Spesso non spuntano del tutto dalla gengiva, ma solo parzialmente, rendendo difficile spazzolarli e facilitando l’accumulo di residui di cibo e la formazione di batteri.

Come si estrae il dente?

Quando il dente viene estratto, il paziente non dovrebbe sentire alcun dolore, ma solo la pressione che è abbastanza normale. Prima dell’intervento viene applicata l’anestesia locale. 

I denti non vengono cavati con le pinze, ma ci sono metodi per sconnetterli. I denti vengono sconnessi fino al momento in cui vengono presi con le pinze e solo leggermente estratti dall’alveolo. 

Dopo la rimozione del dente, la ferita viene esaminata, pulita e coperta con una garza sterile che viene morsa e tenuta per circa 20-30 minuti.

l’anestesia locale

l’anestesia locale

 

Consigli dopo l’estrazione del dente 

Dopo l’estrazione del dente prendetevi cura del seguente: 

  • il giorno dell’estrazione del dente, non sciaquate la ferita gargarizzando,
  • non consumate bevande molto calde o molto fredde,
  • non bevete bevande gassate o usate la cannuccia,
  • non succhiate il sangue dalla ferita,
  • evitate la ferita nel spazzolamento dei denti,
  • il cibo deve essere poltiglioso e tiepido, e provate a masticare al lato opposto di quello dov’è il dente estratto,
  • non soffiate il naso,
  • l’area di estrazione può essere raffreddata dall’esterno – 15 minuti, con pause
  • riposate e dormite con il cuscino sollevato,
  • se siete fumatori, cercate di non fumare almeno fino a quando la gengiva non è completamente rimarginata. 

 

Alcune estrazioni possono essere meno complicate, e quindi è importante non mangiare cibi troppo duri o caldi e raffredare la ferita con impacchi. 

Ci sono ancora molte indicazioni per l’estrazione dei denti, alcune anche estetiche, legate alla terapia ortodontica o protesica. 

Ogni paziente sottoposto ad estrazione del dente o riparazione del dente deve essere informato di ogni passo, problema e conseguenze della procedura. 

Con una buona comunicazione, la procedura dovrebbe essere indolore, atraumatica e non presentare alcun problema.