Tipi di corone in ceramica

Tipi di corone in ceramica

Perché la ceramica nella prassi odontoiatrica?

I materiali ceramici nelle protesi dentali sono una scelta eccellente per il ricompenso della struttura del dente o dei denti in complesso. Le sue buone proprietà e le possibilità estetiche hanno espulso dalla prassi le corone acriliche con o senza la base in metallo. I denti in acrilato sono ancora parte integrante delle protesi, ma quando si tratta di sostituti fissi, quelli che non vengono tolti dalla bocca, il predominio della ceramica è evidente. La ceramica ha la possibilità di imitazione dello smalto per la sua resistenza, durezza, fluorescenza e gradazione di colore.

 

Che cos’è la corona e che cos’è il ponte?

Le corone sono protesi fatte per un singolo dente, mentre i ponti sono strutture che comprendono corone su più denti e quindi servono per sostituire denti mancanti. Per fare le corone in ceramica è importante preparare (levigare) uno o più denti per accogliere la protesi. In caso di perdita di denti e la loro programmata sostituzione da un ponte, è necessario preparare i denti adiacenti che serviranno da portatori della struttura del ponte. Le corone collegate fanno pure un ponte e rafforzano i denti.

Perché vengono poste le corone in ceramica?

Raccomandiamo le corone in ceramica se avete necessità estetiche o al vostro dente manca la struttura naturale per resistere alle forze della masticazione. Ve le consigliamo anche se le vostre vecchie corone sono usurate o non erano adeguatamente preparate oppure se mancano alcuni denti. Ogni corona deve imitare i denti naturali e attaccarsi alle gengive senza esercitare alcuna pressione o avere spazi liberi. Il contatto con i denti adiacenti e i denti contrapposti deve essere realizzato in modo molto preciso in quanto in questo modo si prolunga la durata dei lavori eseguiti.

Qual’è il processo di ottenimento di una corona?

Il posizionamento della corona sui denti naturali, richiede la preparazione del dente (levigazione), vale a dire riduzione della sua corona per fare spazio per il lavoro prostetico. La preparazione viene eseguita con punte in diamante rotanti con raffreddamento ad acqua. Dopo la preparazione viene presa l’impronta con la quale si trasmette la situazione in laboratorio dove gli odontotecnici eseguono i sostituti prostetici. Oltre l’impronta del dente preparato, è necessario trasmettere l’impronta della mascella contraria, del morso, determinare il colore dei denti e spesso trasmettere lo stato delle superfici occlusali della mascella superiore con l’arco della guancia.

Come sono le corone progettate con l’uso di computer?

I nuovi materiali comportano nuove possibilità di lavorazione. Le corone vengono progettate con software che poi danno il comando alle apposite macchine per modellare la corona affinandola dal materiale in blocco. Questo metodo di lavorazine in prassi si è dimostrato molto preciso rendendo possibile al paziente di ottenere la corona in tempi brevi. Alcuni sistemi hanno la possibilità di rilevamento di un impronta digitale. Le corone levigate per mezzo di computer vengono chiamate anche corone cad/cam e possono essere realizzate in pura ceramica o ossido di zirconio al quale si aggiunge la ceramica.

Che cosa sono le corone in metallo-ceramica?

Le corone in metallo-ceramica sono tipi di corone con la base in metallo. La base in metallo può essere in oro o nella convenzionale lega di cobalto, cromo e molibdeno. Più spesso vengono usate le corone in metallo convenzionale a causa del prezzo dell’oro. La base fornisce alle corone e ai ponti la necessaria resistenza e durezza per resistere alle grandi forze di masticazione. Questi integratori sono raccomandati alle persone che producono grandi forze di masticazione sui denti posteriori. Sulla base in metallo viene saldata la ceramica cuocendola in strati di un determinato colore e nella forma dei denti corrispondenti al paziente.

Che cosa sono le corone in ossido di zirconio?

L’ossido di zirconio è un materiale relativamente nuovo sul mercato che sostituisce la base metallica. Il più delle volte è di colore bianco neve, con la possibilità di sfumature nei toni più scuri. Serve come base per la cottura della ceramica che ha poi un aspetto molto più naturale in quanto la luce penetra meglio attraverso i materiali chiari. È un materiale estetico che viene lavorato con la tecnologia cad/cam. Può essere utilizzato per le sovrastrutture su denti e impianti nei denti anteriori per eliminare i riflessi metallici spesso prodotti dai metalli.

Esistono corone in pura ceramica?

Le ricostruzioni estetiche del sorriso sono oggigiorno possibili grazie ai progressi del materiale ceramico. Le corone interamente in ceramica e le faccette rappresentano la ceramica integrale senza basi in metallo o ossido di zirconio, il che dà un colore molto naturale al dente. Non sono resistenti come le corone in metallo-ceramica e vengono fissate ai denti con cementi adesivi molto più forti per ottenere la necessaria forza e resistenza per la normale funzione della masticazione. Vengono raccomandate per la sostituzione delle strutture dei denti anteriori.

Qual’è la differenza tra corone e faccette?

Le corone sono restauri che coprono l’intera superficie del dente, mentre le faccette coprono solo la parte anteriore del dente. La differenza è nella preparazione del dente perché le faccette comportano una preparazione meno estesa, ma molto precisa. Tuttavia, non tutti i pazienti sono candidati per questo tipo di protesi. È importante il rapporto con i denti nella mascella opposta, come pure le abitudini del paziente. Le faccette non sono raccomandate per le persone che hanno problemi con il digrignamento, la deglutizione infantile o lo stuzzicamento delle unghie.

Perché le faccette vengono usate nelle correzioni estetiche dei denti?

Le faccette estetiche in ceramica sono corone parziali in ceramica molto sottili che strettamente ricoprono la parte anteriore e visiva dei denti anteriori. Vengono usate per correggere la spaziatura fra i denti, lo scolorimento, per correggere i denti con rotazioni minime e modificazioni della forma. Questo tipo di protesi richiede una minima levigazione del dente. È importante che vengano fissati allo smalto con del cemento adesivo. Pertanto non è consigliabile applicarle su denti con estese otturazioni. Le faccette possono essere fatte anche in materiali compositi.

Perché riteniamo che le faccette in ceramica siano di qualità migliore?

I materiali compositi utilizzati per le otturazioni non possiedo elevate proprietà estetiche come la ceramica e spesso hanno una durata limitata. Le faccette in composito vengono fatte direttamente in bocca, mentre quelle in ceramica in base ad un’impronta in laboratorio. La lavorazione in laboratorio è più precisa rispetto alla preparazione diretta in bocca e i materiali ceramici prevalgono per le loro proprietà sul composito. I problemi comuni dei materiali compositi sono le scolarazioni e i bordi visibili dopo un certo tempo di permanenza in bocca.

Come mantenere le corone in ceramica nuove?

Come i denti naturali, anche quelli in ceramica è importante spazzolare con uno spazzolino morbido con movimenti circolari massaggiando la parte inferiore dei denti e le gengive. È importante ruotare lo spazzolino ad un angolo di 45° in modo da spazzolare luoghi dove si accumula di più la placca. Bisogna spazzolare tutte le superfici dei denti, il lato della guancia, verso il palato, la lingua come pure le superfici di masticazione. Non applicare mai una grande forza di spazzolatura, bensì farlo in modo leggero. Pertanto gli esperti consigliano tenere lo spazzolino solo con tre dita.

È consiglilato utilizzare i fili interdentali con la nuova corona?

Il filo interdentale è sicuramente indicato per la pulizia dell’area interdentale vicino alle nuove corone e i denti naturali. La pulizia con il filo interdentale è raccomandato per i denti anteriori, mentre per quelli posteriori si consiglia l’suo di spazzoline interdentali. Ogni tipo di manutenzione dell’igiene orale deve essere eseguito senza l’applicazione di pressione eccessiva sulle gengive. È bene scegliere un dentifricio che non irrita le gengive. Quando notate un lieve sanguinamento, massaggiate senza paura l’area infiammata. Se l’emorragia non si ferma, rivolgetevi al dentista.

Come mantenere l’igiene dei ponti?

Se avete i ponti, si consigliato l’uso di una spazzola morbida, di spazzolini interdentali e del filo per i ponti. Quest’ultimo si distingue dal semplice filo interdentale in quanto ha un pezzo di spugna che serve per pulire la zona del dente naturale estratto e sostituito dal dente in ceramica. Se necessario, è possibile usare il collutorio ma è importante non esagerare. È importante avere in mente che il collutorio non sostituisce la pulizia meccanica, ma è solo un mezzo adiuvante.